Selene Pascasi - La Mia Poesia

La Mia Poesia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Selene Pascasi

Selene Pascasi

Selene Pascasi, avvocato, giornalista pubblicista e scrittrice, da sempre sensibile ai temi sociali, si occupa da anni di questioni legate alla famiglia.
Dal 2007, è tra le Firme del gruppo “Il Sole24Ore”, con più di 450 pubblicazioni. È’ Coautrice di “Sanity and Insanity in a Criminal Trial: The European Experience Seeks the American Experience” (American Academy of Forensic Sciences, 2012. Lusa V., Pascasi S., Borrini M.) e di “La Persona Oggetto di Reato” (Giappichelli Editore, 2011. Lusa V., Pascasi S.). Scrive di emozioni fin da bambina, cullando i suoi “Desideri in proiezione”. Vincitrice del concorso indetto da Galassia Arte Editore, il suo Aforisma è stato pubblicato nel libro “Il viaggio è nella testa”. È alla sua prima raccolta di poesie, nata da un viaggio percorso “…con tre quarti di Cuore”.

Le Parole
L
e mie poesie, parto inatteso di emozioni, mi sono scivolate via dall’anima nei momenti più bizzarri, svegliandomi di notte, interrompendo un sogno. Le ho sentite bussare nel cuore, come vento. Le ho protette nel mio ventre, nutrendole d’infinite sensazioni. In quei segni, ho rovesciato istanti im lacrime, sorrisi. Con quelle parole incontenibi ho litigato, le ho odiate. Poi le ho comprese, amate. Sono nate così le mie poesie, da uno scontro tra lune opposte e parallele, tessute sulla pelle.

Poesie

Accadrà

Accadrà così, d’improvviso
passeggiando sulla riva di un mare
o accarezzando il sole che va via
Sarà un istante, un attimo
e parlerai con l’amore e col dolore
concorderai un futuro da vivere
Nascerai di nuovo, in un momento
provando solo allora ciò che sento
percependo di getto le emozioni
Ecomprenderai, ne sono certa,
le mie necessità, le pause, i brividi
ascoltando i miei stessi silenzi
Rileggerai gesti ed espressioni
decifrerai assenze e riflessioni
e mi amerai un po’... quando accadrà

Anime nude
Preziose sono le Ore in cui sei lì
a pettinarmi il cuore
sciogliendo i nodi dell’anima
un’anima nuda, per te
Meraviglioso è l’Attimo in cui
sveglia sui tuoi dubbi
stringo patti con le mie fragilità
su percezioni intense
Inestimabile è l’Istante in cui
le tue mani forti e vere
si posano sul mio domani
con fare limpido
Ore, Attimi e Istanti di noi
nudi di falso e di ipocrisie
nudi di finte allegorie
Anime nude da mediocrità

Animo riflesso
Hai osservato, meravigliato
i mille riflessi del suo animo di cristallo.
Incredulo di così rara trasparenza
l’hai scrutato, rovistato, capovolto.
Il tuo sguardo perplesso l’ha attraversato
trafitto, oltrepassato.
Al di là, solo la Verità.
Niente altro.
Ora ne conoscevi l’essenza.
Ora, dovevi proteggerlo dagli urti dei silenzi.
Fu così che, chino a raccogliere le emozioni,
raccogliesti anche te stesso.
Ora, eri davvero TU.

Arcobaleni
Credere a un senso
percepirsi dentro, in un confronto
ripara da lame di guanto
Cancellare sintonie
di ferro freddo, sul viso bianco
fonde gabbie di metallo
Il giallo, il rosa, il blu
non son colori, ma emozioni
e girotondi, di arcobaleni
Accende aurore
cullare abbracci, in equilibrio
su mezzelune sospese nel tempo

Brividi nelle lune
Nelle lune leggo brividi
compatti, densi, vivi
ovatte di attimi reali
nati dal morso di un’idea
Escrosciano impetuosi
temporali di cristallo
biologici universi
figli dei miei sensi silenti
Nelle lune cerco ipotesi
matematici riscontri
bavagli di un errore
muto a grida di dolore
Esi asciugano ricordi
fra bucati stesi al vento
umidi e nostalgici
in un gocciolio di vita

Energia parallela
La convalescenza dell’animo
è una benda sugli occhi e un urlo del cuore
Si vede oltre l’infinito, ti invade di tremore
Ti scaglia contro, a volte, un nuovo amore
Un’energia parallela si muove
sul delicato percorso di un pensiero riflesso
Come vuoi che si viva, calcandone il passo?
Ti lega con una fune, oscilla di umore
La convalescenza dell’animo
è fuoco che hai dentro, che perdi nel tempo
Ti regala magia, ti sfida e ti aliena
È distinta energia, energia parallela

Il travaglio del cosmo
Una briciola pesa
su quel piccolo essere
che forte di orgoglio
costruisce castelli
Un pensiero trasporta
emozioni imponenti
che coinvolgono vite
indifese dai tempi
Un fiore che lotta
per parlare alla luna
di una sera d’inverno
in cui seme morì
Un cuore che batte
nel grembo di madre
per urlare al futuro
la tua eternità
Un cosmo in travaglio
per finte pretese
dovrà fare a meno
di false realtà

Lampi nel tempo
In equilibrio consumo gli istanti
correndo nel mondo squarciato da un lampo.
Son tuoni nel tempo, li sento vibrare
forgiando silenzi per scriverti dentro
Distesa su un fianco, disegno promesse
scavando nel vento parole riflesse.
Son gocce di eterno, le cullo d’incanto
cucendo emozioni che restino in te
Con gli occhi socchiusi, annodo i pensieri
parlando alla notte di sogni preclusi
Son segni infiniti, li vesto di luci
lasciando bagliori di una vita fa




 
Torna ai contenuti | Torna al menu