Sauro Albisani sceglie... - La Mia Poesia

La Mia Poesia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sauro Albisani sceglie...







Carlo Betocchi







Nato a Torino il 23 maggio 1899, da padre ferrarese e da madre toscana. Si trasferisce ancora piccolo a  Firenze  nel  1906  per seguire il padre, impiegato delle  Ferrovie dello Stato, poi successivamente, ando' a vivere a Trieste, Roma, Bologna e Venezia. Fra i poeti  ermetici  è considerato una sorta di guida morale. Tuttavia, contrariamente a loro, fondava le sue poesie non su procedimenti analogici che evocano significati, ma su un linguaggio diretto, sul  realismo  e sulla tensione morale. Nel 1928 con Piero Bargellini fonda la  rivista Frontespizio , e partecipa fino al 1938 allo sviluppo della rivista di ispirazione cattolica, nella quale nel 1934 pubblicherà nella rubrica La più bella poesia i suoi primi versi e la sua prima raccolta poetica Realtà vince il sogno ( 1932 ). Nel 1939 Betocchi lascia Firenze e si trasferisce a Trieste dove gli viene assegnata la cattedra di materie letterarie presso il conservatorio musicale di Venezia, tornato definitivamente a Firenze nel 1953 insegna con le stesse mansioni presso il Conservatorio Luigi Cherubini e continua a collaborare a varie riviste, tra cui La Chimera,  La Fiera Letteraria  e  L'Approdo letterario  di cui rimane redattore fino al dicembre del 1977, anno di cessazione della prestigiosa rivista. Nel 1958 gli viene affidata la redazione della trasmissione radiofonica L'Approdo. Dal 1932 sono numerose le raccolte poetiche di Carlo Betocchi, da Realtà vince il sogno fino all' Estate di San Martino del  1961  e Un passo, un altro passo del  1967  e a Prime e ultimissime del  1974 , Poesie del sabato  1980 . Dopo la seconda guerra mondiale Betocchi aveva pubblicato Notizie di prosa e poesia (  1947 ), Un ponte sulla pianura ( 1953 ), Poesie ( 1955 ). Nel  1999  è uscito Dal definitivo istante. Poesie scelte e inediti con poesie scelte di cui molte inedite. Carlo Betocchi muore a  Bordighera , in  provincia di Imperia , il 25 maggio  1986.


Poesia Scelta


Rotonda terra, scena che si ripete,
in te, del saluto serale. consuetudine
mia planetaria, con te e i tuoi tramonti:
trasalimento, di tegola in tegola,
del mio vivere che se ne va col tuo
trapassare, lume diurno, lento,
sul tetto davanti casa; e mio formarsi,
intanto, un petto come di colomba;
e metter piume amorose per la notte
che viene; ravvolgermi unitario
con essa: pigolìo interiore; perdita
dell'umano. divenir mio universale.

                                          
Carlo Betocchi




Le Parole

Il superamento di una concezione ostinatamente tolemaica riguardo alla presenza dell'uomo nell'universo ha avuto bisogno dapprima dei calcoli di Copernico, poi del cannocchiale di Galileo.
Ma non è bastato l'eliocentrismo a convincere l'essere umano a scendere da un piedistallo che gli ha permesso nei secoli di usare e abusare della natura.
Accanto agli scienziati sono stati necessari i santi e i poeti.
Se penso a una visione egualitaria delle specie viventi mi torna sempre in mente la betocchiana sacralità del tramonto, l'intima comunione del poveruomo che affida al trascolorare della luce il fardello irrisolto delle sue inquietudini, la remissione dei debiti, l'abluzione dell'anima gravida delle proprie ansie nella polla del sonno.
In questo abbandono, in questa spogliazione di sé dentro la storia naturale la rivoluzione copernicana conquista l'altro emisfero del pianeta, quello dell'esperienza psichica, e l'uomo, abdicando alla propria regalità, vive una metamorfosi, si trasforma in una colomba e il suo pensiero diventa un "pigolìo interiore", un ignoto esperanto nel quale si manifesta l'annuncio dell'egualitarismo delle creature e con esso la comparsa d'un uomo nuovo, deciso a varcare quel confine che separa l'io dal tu relegandolo nella sua tolemaica cattività.
Sauro Albisani                                                                                                                                                    
                                                                                                                                                                         


 
Torna ai contenuti | Torna al menu