25 Aprile - La Mia Poesia

La Mia Poesia

Vai ai contenuti

Menu principale:

25 Aprile

Oggi 25 aprile voglio manifestare il mio senso civico, la mia appartenenza attiva alla politica e alla vita sociale del mio paese. Scherzo!!... Naturalmente… non mi è mai venuto in mente di farmi prendere sul serio quando dico queste cose… già ce ne sono tanti in Italia più competenti di me che se ne occupano, almeno forse credo…

Quindi voglio scrivere questa lettera senza però indirizzarla ad amministratori o politici reali, ma solo per un colloquio interiore, contro questa politica ottusa, che parla sempre di scrivere e riscrivere le regole, anziché comprendere le urgenze dei fatti.

Più che di nuove regole, occorrerebbe migliorare la coscienza civica dei cittadini. A che serve circondarsi di esperti burocrati quando poi non riescono più a dare il buon esempio?

A che serve intestardirsi sulle garanzie per creare nuove regole, quando poi più nessuno riesce a farle rispettare? Meglio partire quindi dalla coscienza civica e dal buon esempio.

Il luogo comune che oggi va per la maggiore è quello che dice che le "persone per bene" non partecipano più alle competizione politica ed elettorale perché ne sono schifati. Ma penso che questo non è il reale motivo, quello vero penso sia un altro…

Non partecipano perché sanno perfettamente che non potranno mai riuscire a vincere contro quei politici navigati e astuti che conoscono bene tutti i trucchetti per farsi sempre votare, anche se poi spesso occorre turarsi il naso e non solo.

Loro, i nostri politici, non sono mai stati d’esempio, visto che mettono sempre al posto dell’interesse comune quello particolare dell’amico, del parente, del gruppo o della corporazione. Anche ora in questo momento di declino non riescono a mettersi d’accordo. Pensa… perfino sulle regole che sventolano da anni come fondamentali “meglio il senato con elezioni di secondo grado o meglio quello elettivo?”… loro mettono solo tanta ambizione a definire questi concetti, che poi alla fine riescono solo a decidere, o meglio a non decidere su niente.

Ma quand’è che gli chiederemo il conto? Quand’è che gli faremo pagare la loro scaltra incompetenza?

I figli si comportano bene… perché anche i loro genitori si comportano bene, altrimenti non credo che si troverebbero figli così.

L’esempio dei genitori, l’istruzione, la cultura, porta i figli ad avere un senso di dignità che va oltre il galateo e la forma, quel senso di dignità che in ogni situazione sa far trovare e riconoscere l’ordine e l’armonia.

Questi politici senza padri, senza passato, peggiorano ogni giorno il nostro futuro, usandolo come una discarica per rifiuti e debiti che non sanno più come risanare o smaltire.

Dai, dai, che se mi voti poi ti vengo ad aggiustare la buca, la cunetta, tutta la strada che da casa porta tua figlia che si sposa in chiesa...

Dai, dai, che se mi voti ti trovo un magnifico lavoro al comunale cimitero…

Dai, dai che se li voti… l’unica cosa che riusciranno a regalarti sarà un maxitelevisore, dove ti faranno vedere qualche partita dei mondiali del brasile… e tutti i loro show del cazzo, di questa canticchiante campagna elettorale di merda.

Ma dai scendi anche tu in politica, vieni a sostenerci, che poi ti facciamo fare la “Festival de’ Noantri… “

Che falsi ingannatori raffinati… che non farebbero per racimolare qualche voto!… e magari anche quello più inutile e irrazionale come il mio.

Comunque penso che pure questa volta darò il mio inutile voto al PD di Matteo Renzi, e se poi… anche questa volta il verso non si riuscirà a cambiare… allora… alle prossime elezioni voterò appassionatamente, disperatamente, follemente, completamente, enormemente, immensamente, infinitamente per Cinque Stelle di Beppe Grillo.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu